Tutela dell’ambiente e della salute umana, qualità della vita e diritti dei cittadini di Sibari: questi sono i temi trattati in questo blog. Le notizie e tutto il materiale pubblicato possono essere utilizzate da chiunque ne abbia la necessità, ovviamente con l'obbligo di citarne la fonte. Lo spazio è aperto al contributo di tutti i visitatori che hanno qualcosa da raccontare o semplicemente da segnalare (...scrivici...).
Se desideri segnalare notizie, argomenti e/o iniziative, inviare critiche e quanto altro ritieni utile far conoscere a noi e agli amici del blog, contattaci

26 gennaio 2010

RIUNIONE DEL “COMITATO SPONTANEO PER LA TUTELA DELL'AMBIENTE E DELLA SALUTE PUBBLICA” - GIOVEDÌ 28 GENNAIO 2010 ALLE ORE18:00

Giovedì 28 gennaio 2010 alle ore18:00 presso la Delegazione municipale di Sibari è stata indetta dal “Comitato spontaneo per la tutela dell'ambiente e della salute pubblica” una riunione alla quale sono stati invitati a partecipare i sindaci di Cassano Jonio,di Francavilla e di Cerchiara di Calabria nonché la CGIL comprensoriale Sibari - Pollino e l'Assessorato all'Ambiente della provincia di Cosenza, in quanto aderenti al comitato stesso, per discutere la situazione riguardante il Piano di Caratterizzazione dei siti inquinati dai depositi interrati di ferriti di zinco.

24 gennaio 2010

27 GENNAIO: GIORNO DELLA MEMORIA

Mercoledì prossimo ricorre il "Giorno della Memoria", la commemorazione istituita solo nel 2000 dal nostro Parlamento per “non dimenticare” la Shoah, cioè lo sterminio di oltre sei milioni di ebrei compiuto dai nazisti e dai fascisti. L'Olocausto, certamente una delle pagine più tristi del novecento, vorrei ricordarlo con le parole di Primo Levi, uno dei pochi sopravvissuti alle persecuzioni naziste.
Leggi SE QUESTO E' UN UOMO

21 gennaio 2010

QUESTIONE IMMIGRATI: SCHIAVI DA RACCOLTA

Proponiamo il bel reportage a firma di Ailvio Messinetti da Corigliano uscito sul Il Manifesto del 19 gennaio 2010 (a pagina 15), che ci è stato segnalato dallìamico Giovanni. .

SCHIAVI DA RACCOLTA
La piana di Sibari è terra di clementine. Le raccolgono i migranti stagionali, sono tre volte di più che a Rosarno. Sopravvivono tra 'ndrine, paghe da fame e un'amministrazione di ultra-destra
La repressione continua. A neanche dieci giorni dalla diaspora degli africani di Rosarno, un'altra brutta pagina di crudeltà e intolleranza viene scritta in Calabria, un tempo terra di accoglienza e di emigrazione, e che, ormai, ha smarrito ineluttabilmente il senso della propria storia.
Benvenuti a Corigliano, il paese delle clementine. È nella pianura di Sibari, infatti, che nasce e si sviluppa questo frutto assai simile al mandarino ma caratterizzato dall'assenza di semi. La pianta è suscettibile agli sbalzi di temperatura. E si ha una sola raccolta annuale, tra novembre e gennaio. Sembra che i primi ibridi di clementine siano stati ottenuti in Algeria agli inizi del novecento. Secondo alcune fonti l'incrocio sarebbe stato fatto casualmente, intorno al 1930, da un certo padre Clement Rodier del Convento di Missegin, nei pressi di Orano.
Sta di fatto che il legame tra questo frutto e le popolazioni del mediterraneo è rimasto intatto negli anni. Anche perché a occuparsi della raccolta sono migliaia di africani, maghrebini e subsahariani in prevalenza, che ogni inverno giungono nella piana per lavorare nei campi. La situazione è drammatica e somiglia maledettamente a quella di Rosarno. Nella sibaritide c'è infatti una concentrazione di immigrati «per tre volte superiore a quella di Rosarno e la situazione è davvero esplosiva dal momento che i migranti vivono in condizioni di estremo degrado in cui sfruttamento e lavoro nero sono le pratiche quotidiane prevalenti» avverte il presidente della Commissione regionale per l'emersione Benedetto Di Iacovo, impegnato in una ricognizione a largo raggio sul fenomeno del sommerso. Dopo i fatti di Rosarno, Di Iacovo sta mettendo a punto un apposito «Piano emersione» che si concretizzerà con la stipula di un patto per la legalità e il contrasto al sommerso con le forze sociali e istituzionali preposte. Secondo uno studio dell'Associazione Torre del Cupo, organizzazione dedita al fenomeno dei migranti che operano nella Piana di Sibari, si stima che siano oltre 12mila i migranti che vivono in queste terre a ridosso dello Ionio, la maggior parte dei quali «invisibili», cioè manodopera stagionale non censita e irregolare.
Immigrati di diversa nazionalità, schiavizzati come i migranti di Rosarno, si accampano nelle tendopoli vicino al Porto oppure in rifugi di fortuna magari ammassati in edifici fatiscenti che somigliano a topaie. A quelli più fortunati, si fa per dire, capita di essere ospitati in case di villeggiatura sfitte d'inverno, da Schiavonea a Sibari, passando per Rossano, lungo i venti chilometri di costa battuti da questi «schiavi delle clementine».
La destra locale, da pochi mesi insediatasi a capo di questo paesone di 40mila abitanti, cavalca il malessere e il vento xenofobo che soffia in Italia. A partire dalla sindachessa Pasqualina Straface, Pdl, che come già riportato dal manifesto, ha emanato il mese scorso un'ordinanza anti immigrati, tesa a impedire l'affitto di case agli stranieri e, soprattutto, a monitorare la presenza di migranti nel territorio coriglianese in quanto d'ora in poi chi vorrà spostare la residenza a Corigliano o prendere casa in affitto dovrà renderne conto al Comune. E mentre è ancora calda la ferita di Rosarno, la sindachessa non ci ha pensato due volte e domenica scorsa, nottetempo, ha sgomberato due baraccopoli. Demoliti casolari e accampamenti, là dove soggiornavano 40 immigrati. «Occorre ripristinare la legalità» ha commentato Straface. Ora in un territorio dove le 'ndrine, quella dei Forastefano su tutte, spadroneggiano, parlare di legalità da «ristabilire attraverso il pugno di ferro contro i migranti» suona un po' grottesco. In una zona dove, a detta del sociologo ed esperto di criminalità organizzata Pino Arlacchi, il mercato del lavoro è completamente in mano alle cosche e la mafia dell'Alto Ionio cosentino svolge le funzioni di ufficio di collocamento e distribuisce posti di lavoro che si trasformano in vitalizi perenni. A cui, ovviamente, si aggiunge il traffico di manodopera migrante, vessata e schiavizzata, in nero, senza contributi versati, senza pensione, né medico e per pochi soldi. E quando arriva la stagione agrumicola, che peraltro coincide con quella olivicola, il fabbisogno di manodopera aumenta in modo considerevole tanto che il numero di stagionali arriva a superare, appunto, le 12 mila unità. Metà di essi sono invisibili, non registrati: 6mila braccianti che vagano come fantasmi in questi gironi danteschi dello sfruttamento e del sommerso.
Ovunque vi siano agrumeti nella pianura calabrese, il copione è lo stesso di Rosarno. Presenza massiccia di braccia, anche femminili in questo caso, condizioni igieniche zero, dignità umana annullata, poco cibo ma tanta fatica. Sfruttati e umiliati per pochi euro al giorno a cui va aggiunto il pizzo da pagare al caporale di turno. All'alba di ogni giorno, infatti, i furgoni dei caporali fanno il giro della sibaritide per prelevare il popolo invisibile. A Schiavonea, borgo marinaro di Corigliano, nello spazio antistante la chiesa e nei pressi del Quadrato «Compagna» e a Sibari nel piazzale della stazione e nei pressi dei residence di Marina. Per poi essere scaricati nei campi dove, fino al tramonto, sono impegnati nella raccolta dei frutti simbolo dello sviluppo di queste aree.
Come a Rosarno, anche qui tutti sanno ma nessuno interviene. E nessuno vigila. Tutto scorre come se nulla fosse. Le associazioni di volontariato fanno ciò che possono in un'area dove regna sovrana l'indifferenza e la complicità omertosa. Meglio tacere allora, per non spezzare il fragile filo della convivenza civile. Che di civile non ha niente.
Benvenuti a Corigliano, il paese delle clementine, e di Gennaro «Ringhio» Gattuso, il calciatore della Nazionale, quello che vota Lega perché dice: «Non se ne può più».

Fonte: di Silvio Messinetti - Il Manifesto del 19 gennaio 2010

9 gennaio 2010

ROSARNO: SENZA DIRITTI NESSUNA PACE

In questo momento di forte tensione esprimiamo tutta la nostra indignazione per quanto sta accadendo nella Piana di Gioia. Per decenni, in Calabria, la questione migranti è stata sottovalutata e, in particolare a Rosarno, dove migliaia di persone quotidianamente vengono sfruttate ed umiliate anche se dal loro lavoro dipende lo sviluppo del settore agricolo. Le responsabilità sono da individuare a tutti i livelli politici , compreso quello regionale con Loiero in testa, che si è limitato ad interventi tampone in clima di emergenza. Quello che più ci indigna è che in queste ore molto spazio viene dato alla rivolta dei migranti per le strade di Rosarno senza una indagine approfondita circa le cause: l’ingiustizia della Bossi- Fini in primis e le condizioni disumane di vita dei migranti.
A partire da queste considerazioni la rete antirazzista di Cosenza chiede che si ponga fine a questa guerra fra poveri e si appella al buon senso dei Rosarnesi, ai quali si chiede uno sforzo di comprensione per le condizioni in cui vivono queste persone vessate da politiche razziste e xenofobe.
Siamo anche disponibili, qualora ce ne fosse bisogno, ad accogliere migranti che abbiano la necessità di spostarsi da Rosarno.
Ci si auspica che tutta la Calabria scenda in piazza per manifestare la solidarietà ai migranti e per dire basta a questa infinita ingiustizia.

Cosenza, 08/01/10.
Rete antirazzista cosentina.

IL 12 GENNAIO SI DECIDE IL DESTINO DI SIBARI?

Se Sibari acquisirà il titolo di Comune Autonomo lo sapremo, forse, già il prossimo martedì 12 gennaio quando la I Commissione Affari Istituzionali e Affari Generali si riunirà per discutere e dare il parere, speriamo favorevole, sul referendum consultivo per l’istituzione del comune di Sibari.
Se la I Commissione esprimerà parere favorevole, la decisione finale sull’indizione del referendum consultivo spetterà comunque al Consiglio Regionale.

Leggi il comunicato dell’Associazione Rinascita” per Sibari Comune